Metadata and Analytics

Actions
Emergenza Coronavirus - Sospensione rata mutui ipotecari e prestiti chirografari
  • In Evidenza per Enti
  • In Evidenza per Anonimi
  • Area Vesuviana
  • Giovani
  • Area Napoli
  • In Evidenza per Imprese
  • Area Torre del Greco
  • Area Avellino Benevento
  • Area Caserta
  • Area Salerno
  • Privati e famiglie
  • In Evidenza per Soci
  • In Evidenza per Giovani
  • In Evidenza per Privati e famiglie
  • Imprese
  • Soci
  • Professionisti
  • In Evidenza per Professionisti
  • Enti
  • Comunicati
  • LOREDANA LOFFREDO
  • LOREDANA LOFFREDO

Emergenza Coronavirus - Sospensione rata mutui ipotecari e prestiti chirografari

Actions

In Evidenza per Enti

In Evidenza per Anonimi

Area Vesuviana

Giovani

Area Napoli

In Evidenza per Imprese

Area Torre del Greco

Area Avellino Benevento

Area Caserta

Area Salerno

Privati e famiglie

In Evidenza per Soci

In Evidenza per Giovani

In Evidenza per Privati e famiglie

Imprese

Soci

Professionisti

In Evidenza per Professionisti

Enti

Comunicati

Pubblicato il 26/05/2020

Emergenza Coronavirus - Sospensione rata mutui ipotecari e prestiti chirografari


Accordo ABI / Associazione dei Consumatori del 21 aprile 2020

La BCP per supportare la sostenibilità finanziaria delle famiglie e dei lavoratori autonomi e liberi professionisti ha aderito all’Accordo in tema di sospensione della quota capitale dei mutui garantiti da ipoteca su immobili e dei finanziamenti chirografari a rimborso rateale siglato da ABI e dalle Associazioni dei Consumatori il 21 aprile 2020.

L’accordo prevede la sospensione della quota capitale, per una durata non superiore a 12 mesi, anche attraverso più sospensioni per periodi di durata inferiore a 12 mesi purchè la somma non ecceda I 12 mesi, delle seguenti tipologie di mutui erogati in data antecedente al 31 gennaio 2020:

  • prestiti chirografari a rimborso rateale;
  • mutui garantiti da ipoteche su immobili non di lusso, ovvero non appartenenti alle categorie catastali Al, A8 e A9, concessi a persone fisiche per la ristrutturazione degli stessi immobili ipotecati, liquidità o acquisto di immobili non adibiti ad abitazione principale o seppur connessi all'acquisto dell'abitazione principale non presentano le caratteristiche idonee all'accesso al Fondo Gasparrini

La richiesta può essere presentata fino al 30 giugno 2020.

CHI E’ ESCLUSO DALL’INIZIATIVA

Sono esclusi i finanziamenti con le seguenti caratteristiche:

  • già classificati a credito deteriorato o con rate impagate al 31 gennaio 2020 ovvero per I quali sia intervenuta la decadenza del beneficio del termine o la risoluzione del contratto stesso, anche tramite notifica dell'atto di precetto o sia stata avviata da terzi una procedura esecutiva sull'mmoblle Ipotecato;
  • che fruiscono di agevolazioni pubbliche (nella forma di garanzie, contributi in conto interessi/capitale e provvista agevolata);
  • per i quali sia stata stipulata un'assicurazione a copertura del rischio che si verifichino gli eventi coincidenti con le condizioni di sospensione, purchè tale assicurazione copra almeno gli importi delle rate oggetto della sospensione e sia efficace nel periodo di sospensione stesso;
  • relativi ad operazioni di credito contro la cessione del quinto dello stipendio o della pensione e le delegazioni di pagamento.

CONDIZIONI DI ACCESSO ALLA MISURA

La richiesta di sospensione può essere inviata dall'intestatario del finanziamento entro il 30 giugno 2020 a patto che si sia verificata una delle seguenti condizioni:

  • cessazione del rapporto di lavoro subordinato, esclusi i seguenti casi: risoluzione consensuale, risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia/anzianità, licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, dimissioni del lavoratore non per giusta causa;
  • perdita del lavoro  basato  su rapporti  di  agenzia,  di  rappresentanza  commerciale e  altri  rapporti di collaborazione coordinata continuativa, prevalentemente personale, anche se non a carattere subordinato, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore;
  • sospensione dal lavoro o riduzione dell'orario di lavoro per almeno 30 giorni lavorativi consecutivi;
  • morte o insorgenza dl condizioni di non autosufficienza.

I lavoratori autonomi (artigiani, commercianti, coltivatori diretti, ecc.) e  i liberi professionisti iscritti a un albo o ordine professionale devono autocertificare di aver subito una riduzione di fatturato (In un trimestre successivo al 21 febbraio 2020, ovvero nel minor periodo intercorrente tra la data della domanda di sospensione e il 21 febbraio 2020) superiore al 33% rispetto a quanto fatturato nell'ultimo trimestre 2019, in conseguenza della chiusura o della restrizione della propria attività per l'emergenza Covid-19.

Tali condizioni devono essere autocertificate utilizzando il modulo di richiesta di sospensione (cfr. Modulo di sospensione -All. 1).

Caratteristiche e vincoli della misura

Le principali caratteristiche ed i vincoli dell'intervento sono così definiti:

  • nel periodo di sospensione sono ricomprese anche le eventuali rate scadute e  non pagate  dopo il 31 gennaio 2020;
  • i soggetti che hanno già usufruito di una sospensione del finanziamento per iniziative di Legge, Accordi con le Associazioni dei consumatori o per autoregolamentazione, possono richiedere la sospensione purchè risultino in regola con i pagamenti previsti nel plano di ammortamento;
  • la quota Interessi, calcolata al tasso contrattuale sul debito residuo al momento della sospensione, viene rimborsata alle scadenze originarie;
  • la sospensione non determina l'applicazione di commissioni nonché interessi di mora per il periodo di sospensione tranne qualora l'Intestatario del mutuo o del finanziamento non adempia al pagamento degli interessi alle scadenze originarie;
  • durante il periodo di sospensione restano ferme e valide le clausole di risoluzione e/o decadenza del beneficio del termine previste nel contratto originario;
  • durante il periodo di sospensione il cliente può in qualsiasi momento richiedere il riavvio del piano di ammortamento;
  • al termine della sospensione, il piano di ammortamento del finanziamento riprende con un allungamento della durata pari al periodo di sospensione.

Clicca qui per scaricare il modulo di richiesta

Per l'invio della modulistica e per maggiori informazioni, le nostre Filiali sono a disposizione telefonicamente o via mail (riferimenti Filiali BCP)

Condividi su:    

Pillola Correlata

Actions

Pillole di approfondimento

Informazioni più chiare e complete sui costi e oneri degli investimenti

Prodotto Correlato

Actions

I prodotti BCP per te

Supportiamo la nostra Clientela per realizzare ambienti più sicuri ed energeticamente più efficienti. Insieme verso un mondo più green.